In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies (che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

News

Le cisti ovariche vanno sempre trattate?



Le cisti ovariche sono formazioni molto spesso ripiene di fluido liquido, sangue o, più raramente, miste (solide e fluide), che si formano all’interno delle ovaie o sulla loro superficie. Sono molto frequenti in età fertile, perché l’ovaio in questa fase è ancora attivo. Infatti, proprio il processo di ovulazione porta alla formazione di un follicolo, che si trasformerà in corpo luteo.

Se non avviene la fecondazione, quest’ultimo verrà riassorbito dall’ovaio e il ciclo riprenderà. Ma può capitare che ci sia un ritardo nel riassorbimento che determina la forma più frequente di cisti ovarica, quella detta “funzionale”. Di solito queste cisti si riassorbono spontaneamente nel giro di 2-3 mesi. Da qui, spesso, la necessità di attendere, specie quando non siano presenti sintomi evidenti. Con un’ulteriore controllo ecografico si potrà seguire l’evoluzione della cisti, se tenderà a ridursi di dimensione o a crescere.

L’ecografia transvaginale oggi è un ottimo strumento di diagnosi che indirizza anche verso il tipo di cisti e quindi che può indicare il tipo di trattamento.

Non sono tutte uguali

Esistono diverse forme di cisti. Quelle endometriosiche sono frequenti in età fertile. Si tratta di tessuto endometriale (la mucosa che riveste internamente l’utero) che si localizza fuori dell’utero e che, sanguinando, dà origine a queste cisti. Poi ci sono le cisti dermoidi: derivano da un residuo di tessuto embrionario, che normalmente dà origine a tessuti quali capelli o denti, che rimane localizzato sull’ovaio. Quelle dovute ad alterazioni ormonali, le più note rientrano nel quadro più complesso della Sindrome dell’Ovaio Policistico. In questo caso coesiste una vasta gamma di segni e sintomi che aiutano il clinico nella diagnosi. Infine le cisti ovariche maligne: più frequenti in post-menopausa che in età giovane. In menopausa qualsiasi cisti ovarica venga diagnostica necessita di un attento e corretto inquadramento clinico-diagnostico per valutare il trattamento opportuno. Solo in alcuni casi le cisti ovariche possono diminuire la fertilità di una donna. Le cisti endometriosiche sono tra queste o come accade nella sindrome dell’ovaio policistico.