In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies (che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

FAQ

Per sapere di più



In questa sezione alcune domande frequenti e relative risposte redatte a cura del dottor Pietro Cignini, ginecologo ed ostetrico. Gli esami da fare in gravidanza, le diverse tipologie di screening prenatali, e ancora temi quali la fertilità di coppia e la gravidanza sono affontati in maniera diretta e al tempo stesso comprensibile.

Sfoglia le nostre faq, categoria per categoria e approfondisci le diverse tematiche.

Si calcola che dal dieci al 15 per cento delle coppie sono sterili. L'infertilità è definita come l'impossibilità di rimanere incinta pur avendo frequenti rapporti sessuali non protetti per almeno un anno per la maggior parte delle persone e sei mesi in determinate circostanze.


L'infertilità può essere dovuta ad una singola causa, femminile o maschile, o una combinazione di fattori che possono impedire l'instaurarsi di una gravidanza. Fortunatamente, ci sono molte terapie sicure ed efficaci per superare l'infertilità. Questi trattamenti migliorano significativamente le probabilità di rimanere incinta.

La maggior parte delle coppie riescono ad ottenere una gravidanza entro i primi sei mesi di tentativi. Nel complesso, dopo 12 mesi di rapporti sessuali non protetti, circa il 90 per cento delle coppie riesce a rimanere in gravidanza. Il segno più evidente della infertilità è certamente non riuscire a concepire.

Tuttavia a questo, in alcuni casi, possono aggiungersi altri segni che possono fare sospettare una infertilità di coppica: una donna infertile può avere periodi mestruali irregolari o assenti.

Un uomo infertile può avere segni di problemi ormonali, quali i cambiamenti nella crescita dei capelli, della funzione sessuale, riduzione del desiderio sessuale, o problemi di eiaculazione.

In generale, si può prendere in considerazione di incontrare uno specialista di medicina della riproduzione dopo almeno un anno di rapporti regolari, non protetti.

In alcuni casi si può considerare di anticipare se, nel caso di una donna:

• Ha tra i 35 anni e i 40 anni e state provando da oltre sei mesi
• Ha più di 40 anni
• Se mestruazioni irregolari
• In passato ha avuto problemi di fertilità
• Stata eseguita diagnosi di endometriosi o malattia infiammatoria pelvica
• Ha avuto il trattamento per tumori

Nel caso di un uomo, si potrebbe anticipare, se:
• Si è notata una riduzione dello sperma
• Gonfiore dello scroto
• Precedenti interventi chirurgici inguino-scrotali
• Problemi con la funzione sessuale o riduzione del desiderio
• Trattamenti di malattie tumorali precedenti