In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies (che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

FAQ

Per sapere di più



In questa sezione alcune domande frequenti e relative risposte redatte a cura del dottor Pietro Cignini, ginecologo ed ostetrico. Gli esami da fare in gravidanza, le diverse tipologie di screening prenatali, e ancora temi quali la fertilità di coppia e la gravidanza sono affontati in maniera diretta e al tempo stesso comprensibile.

Sfoglia le nostre faq, categoria per categoria e approfondisci le diverse tematiche.

Il termine Sindrome premestruale (PMS) si riferisce alla modificazione fisica e psichica che appaiono nel corso delle ultime una o due settimane del ciclo mestruale e scompaiono entro la fine del flusso mestruale. Fino all' 80% delle donne hanno sintomi ciclici legati al loro ciclo mestruale, ma solo il 3-5% ha sintomi così gravi da interferire con il lavoro, la scuola, le attività abituali o le relazioni.

L'insorgenza media è di 26 anni di età con sintomi che spesso si aggravano nel corso del tempo. Quando si parla di PMS ci si riferisce in particolare sintomi fisici, come gonfiore, aumento di peso, tensione mammaria, gonfiore alle mani e ai piedi, dolori, scarsa concentrazione, disturbi del sonno, cambiamenti dell'appetito, e cambiamenti di umore. Alla base di questa condizione sembra esservi un cambiamento ed una disfunzione degli ormoni durante il ciclo mestruale.

(Tuttavia) Alcune donne possono essere colpite più di altre, modificando i livelli ormonali durante il ciclo mestruale. (Anche se) Stress e problemi emotivi non sembrano causare PMS ma possono peggiorare la situazione. La diagnosi è piuttosto complessa poiché alla base deve esserci una misura quantitativa dei sintomi al fine di diagnosticare, curare e quantificare tale disturbo. In realtà ci sono ben 150 i sintomi descritti in letteratura come collegati alla PMS, variabili da individuo a individuo.

Mentre alcuni sintomi fisici ed emotivi sono più comuni rispetto ad altri, i sintomi specifici individuati non sono necessariamente fondamentali per una diagnosi di sindrome premestruale. "Quello che è importante è il modo ciclico in cui si verificano ..." .Infatti essi devono essere valutati continuativamente per tre mesi durante la seconda metà del ciclo mestruale. In genere, i sintomi svaniscono all'inizio della mestruazione, ma in alcuni casi si può continuare per la prima parte del ciclo mestruale. Counseling dei pazienti è una componente essenziale di ogni regime di trattamento. E 'importante che i capiscano sia le componenti fisiologiche e psicologiche della PMS. Questa migliore comprensione aiuta il paziente a riconoscere i sintomi multipli e la natura ciclica del disordine.

Il controllo della dieta del paziente è l'approccio meno invasivo per alleviare i sintomi della sindrome premestruale. In questo senso dovrebbero essere diminuiti o l'eliminati l'alcol, il tabacco e la metilxantina contenuti in alcuni prodotti alimentari (ad esempio, caffè, tè. Cioccolato, bibite con caffeina). Il sale nella dieta dovrebbe essere limitato, zuccheri raffinati dovrebbero essere ridotti al minimo e sostituito con carboidrati complessi mentre l'apporto di grassi deve essere ridotto. L'esercizio fisico moderato, può essere utile nel ridurre la ritenzione di liquidi e di alcuni sintomi associati alla sindrome premestruale. Al cambiamento dello stile di vita a volte può rendersi necessario l'instaurarsi di terapie farmacologiche che prevedano, dapprima l'uso isolato o combinato di complessi vitaminici (es. Vit. B6,E,A) o sostanze naturali quali il magnesio e l'agnocasto fino ad arrivare agli antidepressivi per i casi più gravi ma fortunatamente poco frequenti.