In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies (che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

VILLOCENTESI

Una metodica sicura per lo studio certo di anomalie genetiche e cromosomiche del feto



Il prelievo dei villi coriali è un test di diagnosi prenatale in cui un campione di villi coriali viene prelevato dalla placenta per eseguire i test diagnostici.

Durante la gravidanza, la placenta fornisce ossigeno e sostanze nutritive per la crescita del bambino e rimuove i prodotti di scarto dal sangue del bambino. I villi coriali sono delle strutture che compongono la maggior parte della placenta e che condividono il patrimonio genetico del bambino.

Al pari dell'amniocentesi pertanto può fornire le stesse informazioni diagnostiche (non sarà pertanto necessari eseguire anche l'amniocentesi) e si esegue sempre attraverso un prelievo per via addominale come per l'amniocentesi.

Si esegue prima dell'amniocentesi tra la 11^ settimana e la 14^ settimana di gestazione e per il tipo di prelievo (non si entra nel sacco gestazionale) non si esegue la profilassi antibiotica prima della sua esecuzione.

Il rischio di aborto da circa 10 anni si è notevolmente ridotto e secondo la letteratura scientifica oggi è quasi sovrapponibile a quello dell'amniocentesi. In passato il più alto tasso di aborto rilevato in corso di villocentesi si è capito essere dovuto al rischio "intrinseco" di abortività spontanea già presente al I trimestre di gravidanza.

Il Dr. Pietro Cignini esegue amniocentesi ed altri esami diagnostici a Roma. Per maggiori informazioni o per una visita, consultate la pagina Contatti.